Esemplari micologici del Pollino


FUNGHI


foto di Antonio Contin

01 Amanita vittadini - foto A.Contin

01 Amanita vittadini

“E’ un fungo praticolo, abbastanza raro ma abbondante nei luoghi dove si ha la fortuna di trovarlo. E’ localizzato in pochissime stazioni di crescita del territorio del Pollino. Non è velenoso ma, se ne sconsiglia il consumo per la sua rarità.” (nota e foto: AntonioContin)

02 Amanita muscaria - foto A.Contin

02 Amanita muscaria

“L’Amanita muscaria può essere considerata per la sua bellezza, l’icona di tutti i funghi e, spesso, a torto, viene considerato il fungo più velenoso in assoluto. Si tratta in effetti di un fungo tossico ma, non mortale, caratteristica che appartiene invece all’Amanita phalloides.”
(nota e foto: AntonioContin)

03 Battarrea falloides - foto A.Contin

03 Battarrea phalloides

“Si tratta di un fungo abbastanza raro e strano. Cresce sulle dune sabbiose della costa ionica e per la consistenza legnosa della sua carne non è adatto al consumo.E’ oggetto di studio da parte dei micologi che studiano i funghi ammofili. “
(nota e foto: AntonioContin)

04 Colus hirundinosus - foto A.Contin

04 Colus hirundinosus

“E’ un fungo stranissimo dall’aspetto di una lanterna cinese come il suo simile Clathrus ruber di dimensioni più grandi. la particola-rità di questo strano funghetto dalla carne gelatinosa è l’odore cadaverico emanato dal fungo per attirare gli insetti che solo in questo modo diffonderanno le spore utili alla riproduzione.”
(nota e foto: AntonioContin)

05 Agaricus aridicola - foto A.Contin

05 Agaricus aridicola

“Un altro fungo specializzato a vivere sulle dune della costa ionica. Ha un aspetto stranissimo e sporata nera. Di consistenza legnosa non è commestibile.”
(nota e foto: AntonioContin)

06 Amanita ovoidea e caesarea - foto A. Contin

06 Amanita caesarea ed Amanita ovoidea

“L’immagine mette insieme l’Amanita caesarea (ovolo buono) e l’Amanita ovoidea (farinaccio) Il primo viene considerato il miglior fungo in assoluto per il suo gusto delicato e L’Amanita ovoidea (farinaccio) che qualcuno erroneamente identifica come “ovolo bianco” un fungo consumato in passato ma dalle pessime caratteristiche organolettiche.”
(nota e foto: AntonioContin)



CONTATTI

Ass. Micologica Tartufi & Tartufai del Pollino e delle Serre
C.so Garibaldi 160 – CASTROVILLARI (Cs)
+39 353 3952 771
+39 353 3952 377
+39 389 4274 515
FAX +39 0981 489589
www.tartufipollino.it info@tartufipollino.it